– Aiuto, aiuto!
– Che c’è, che te strilli?
– Sto affogando, aiuto!
– Ho capito ma lo sai cosa ti aspetta se te salvo?
– Cosa, che significa?
– Eh, che significa, e infatti te non lo sai, non sapete niente voialtri, ve mettete su un barcone spensierati, mezzi gnudi senza sapere le conseguenze, le situazioni, le dinamiche politiche.
– Aiuto, mi salvi!
– Ho capito, io te salvo, ma te lo sai poi dove vai a finire?
– Non fa niente, mi salvi!
– E lo dici te che non fa niente, poi però quando lo scopri ve lamentate, date di matto, ve ‘m’briacate e spaccate le bottiglie di birra al muro. E la gente se lamenta. E quegli altri dicono che siamo razzisti e si creano tensioni sociali. E l’Unione Europea, non credere, non aiuta. Qua si fanno tutti gli affari loro, capita adesso la situazione?
– Aiuto, ma io sto affogando!
– Ho capito, ma anche tu devi capire me. Che ti salvo a fare, che poi vai a fini’ pe’ strada, senza ‘na prospettiva, preda della delinquenza, dell’alcol, della vita amara. Che senso ha, me lo spieghi?
– Ma sto affogando!
– Ho capito che stai affogando ma che te posso fa’? Dovevi affoga’ da n’altra parte, la prossima volta sceglieteli bene i posti dove affoga’. Ce so’ posti e posti. Questo è un postaccio, non conviene a nessuno, capito? Oh me senti? Niente, è andato. Speriamo che almeno abbia capito.