Una nuova idea in direzione del riciclo, riuso e rigenerazione degli elettrodomestici arriva da Milano dove è in atto una sperimentazione molto interessante.

Il progetto si chiama Circular Housing Project e nasce da una collaborazione tra Redo Sgr, società che sta realizzando nuove unità abitative di social housing a Milano e i partner Ecodom, Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici, Politecnico di Milano e Poliedra, e BSH Elettrodomestici. 

Ogni volta che facciamo un trasloco ci lasciamo dietro una montagna di rifiuti, almeno una tonnellata, tra cambi di arredamento, elettrodomestici, ristrutturazioni e la classica “rinfrescata”, per un conto sempre più salato per l’ambiente che si vede arrivare in discarica un flusso di rifiuti di cui si potrebbe fare a meno. 

Allo stesso modo, il nuovo inquilino dell’appartamento che abbiamo lasciato comincia a comprare arredi ed elettrodomestici nuovi ma se il tempo del contratto non è lungo, mettiamo solo quattro anni, è facile che arredi ed elettrodomestici non saranno all’avanguardia tecnologicamente e nemmeno energeticamente visto il tempo necessario per l’ammortamento degli alti costi iniziali. E anche questa scelta genera inquinamento in termini di elettrodomestici economici ma ad alto consumo, arredi di alto impatto ambientale eccetera. 

smart city leasing mobili elettrodomestici circular housing project economia circolare milano
Foto di Chien Than da Pixabay

Da qui l’idea: perché non affittare, insieme all’appartamento, anche arredamento ed elettrodomestici di alta gamma ed energeticamente performanti e, al termine dell’affitto, lasciarli al nuovo inquilino, ovviamente ricondizionati e riportati a nuova vita? In questo modo si evitano traslochi e rifiuti in discarica, si ridà nuova vita al vecchio e ogni appartamento resta dotato di arredi ed elettrodomestici di ultima generazione. 

Continua su Italia Circolare