Oggi sono passato di qua. A un certo punto mi si è avvicinato un tizio, era il Libanese, m’ha chiesto se avevo visto il Freddo e Dandi che gli dovevano portare un etto di coca. Io gli ho risposto che non ne sapevo nulla e allora il Libano s’è fatto sospettoso.
“E te che ce fai qua, a piedi in mezzo ar nulla cosmico?”. 


Gli ho spiegato che stavo andando a fare una intervista e lui è scoppiato a ridere.
“N’intervista? E chi devi da intervista’ a Via della vasca navale? Er capo de li sorci? Ma che nun o vedi dove stai? Pensa che qua a fianco ce sta un liceo, Roberto Rossellini se chiama, ce vanno centinaia de studenti e nun c’è manco la fermata dell’autobus. Ce credi? ‘Na scola senza l’autobus. L’hai mai vista te? Io nun lo so pecché a scola nun ce so’ mai annato, ma credo che la prima cosa che fai quanno hai fatto ‘na scola è mettece a fermata dell’auto. E invece qua niente. I ragazzi arrivano e se ne vanno a piedi, peffà prima invece che piglià a strada se nfilano dietro ar vecchio cinodromo ndo ce sta na boscaglia che poi spunta a Marconi, che poi magari a boscaglia concilia npò de riservatezza e magari se danno du baci o fanno du fiji. Armeno quello. Vabbè, questi me sa che nun vengono più, stinfami. Che fai, te vieni a fa ‘na bira? Ah già c’hai l’intervista. Stamme bene, giornalista, e se ripassi da sto posto de merda vieneme a trova’, io c’ho ‘a roulotte propio qua dietro”.